Epitassia di Van der Waals di materiali bidimensionali

image 48723This post is also available in Link identifier #identifier__24601-1enLink identifier #identifier__136677-1Link identifier #identifier__103150-1English

Per poter effettivamente sfruttare il potenziale tecnologico del grafene e dei materiali 2D e renderli disponibili per applicazioni in elettronica e optoelettronica è necessario riuscire a sintetizzare questi materiali, soggetti a forze di tipo Van der Waals, su substrati compatibili con la tecnologia CMOS del silicio.
La nostra ricerca si concentra sulla deposizione chimica da fase vapore del grafene e di altri materiali bidimensionali su non-metalli.
In particolare, abbiamo recentemente studiato la crescita di grafene su substrati di germanio di diverso orientamento cristallino [i.e. (100), (110), (111)]. Usando una combinazione di microscopie a sonda (AFM, STM) e tecniche spettroscopiche (XPS, Raman, e ARPES), studiamo gli effetti della terminazione atomica della superficie del substrato sulle proprietà elettroniche del grafene.

Highlight

Membri                                                                                                                                    image 154663

Collaborazioni

  • Università di Roma Tor Vergata
  • Center for Nanotechnology Innovation @NEST, IIT
  • Istituto per la fotonica e la nanotecnologia – CNR-IFN
  • Technical University of Denmark – DTU

 

 

Link identifier #identifier__44754-8Link identifier #identifier__124611-9Link identifier #identifier__72162-10
Francesca Vitalini 21 Giugno 2021