Nanoscienze e nanotecnologie

Coordinatore: Prof. Link identifier #identifier__118550-1Carlo Meneghini

Link identifier #identifier__190515-2image 56004

La Fisica della Materia, o più propriamente Fisica dello stato condensato, studia la struttura atomica elettronica e molecolare dei materiali, in relazione alle loro proprietà fisiche macroscopiche.

Le proprietà fisiche macroscopiche dei materiali sono il risultato di un intricato gioco di fattori, che vanno dalle interazioni elettroniche e magnetiche tra atomi e molecole alla disposizione relativa delle molecole stesse. Queste possono formare aggregati estesi a livello microscopico o piccole strutture nano-scalari, che possono essere disposte a formare strati sottilissimi, fili sottilissimi o altre forme unidimensionali. Inoltre, le proprietà macroscopiche dei materiali sono influenzate dai difetti e dalle distorsioni, che sono sempre presenti in qualsiasi tipo di materiale.

La sezione di Nanoscienze e Nanotecnologie è composta da una comunità interdisciplinare di Fisici, Chimici e Ingegneri che si dedicano allo studio della materia condensata, dei dispositivi e delle tecnologie a scala nanometrica. Quando le dimensioni delle strutture coinvolte sono nell’ordine dei nanometri, ovvero composte da pochi atomi o molecole, gli effetti di superficie e di confinamento elettronico danno luogo a fenomeni inattesi e affascinanti dal punto di vista della ricerca di base, nonché importanti per l’innovazione tecnologica. Comprendere l’origine di queste proprietà rappresenta una sfida stimolante per i ricercatori della materia condensata, specialmente considerando le possibili applicazioni in ambiti come Biologia, Ambiente, Medicina e Beni Culturali.

Gli esperti della Sezione collaborano in modo stretto con colleghi provenienti da diverse aree di ricerca all’interno del Dipartimento di Scienze e dell’Ateneo nello studio approfondito della materia e dei materiali nelle loro diverse forme, sia per quel che riguarda la ricerca di base che per  applicazioni specifiche. Questa collaborazione interdisciplinare consente di affrontare le sfide scientifiche più impegnative e di sviluppare soluzioni innovative con un impatto significativo sulla società.

Ricerca

nota:
Link identifier #identifier__35168-61. Anderson PJ, More is different. Science 1972 . Aug 4;177:393

Link identifier #identifier__136888-7Link identifier #identifier__50282-8Link identifier #identifier__5631-9
Carlo Meneghini 05 Giugno 2023