Logo roma3

Dipartimento di Scienze

Prof. Mariottini Paolo

Sezione: Scienze molecolari, cellulari, ambientali ed evoluzionistiche
Ruolo: Professore Ordinario
SSD: BIO/11
SC: 05/E2
Corsi: Biologia molecolare avanzata
Email: paolo.mariottini@uniroma3.it
Telefono: 0657336359
Cellulare: 87682
Fax: 06 57336321
Indirizzo: Viale Marconi 446
Avatar

Curriculum

1980: Laurea con lode in Biologia, Facoltà di Scienze MM. FF. NN., Università di Roma La Sapienza, Roma, Italia.
1980-81: Servizio Militare.
1981-84: Ricercatore presso il California Institute of Technology, Division of Biology, Pasadena, U.S.A.
1984-92: Ricercatore Universitario di Biologia Molecolare presso il Dipartimento di Biologia, Università di Roma Tor Vergata, Roma, Italia.
1992-94: Professore Associato di Biologia Molecolare presso l'Istituto di Scienze Biochimiche, Università di Parma, Parma, Italia.
1994-2004: Professore Associato di Biologia Molecolare presso il Dipartimento di Biologia, Università Roma Tre, Roma, Italia.
2005-ad oggi: Professore Ordinario presso il Dipartimento di Scienze, Università Roma Tre, Roma, Italia.

Il Prof. Mariottini è membro della Società Italiana di Biofisica e Biologia Molecolare (SIBBM-FISV) e della American Society for Biochemistry and Molecular Biology (ASBMB).

Il Prof. P. Mariottini collabora con numerosi studiosi italiani e stranieri come documentato dalla produzione scientifica.

L'attività scientifica del Prof. P. Mariottini, Professore Ordinario di Biologia Molecolare presso l’Ateneo di Roma Tre (dal 2005 ad oggi), è documentata da circa 75 pubblicazioni su riviste internazionali e si articola sulle seguenti linee di ricerca scientifica:
1- Studio del metabolismo delle poliammine in sistemi modello in vitro ed in vivo.
2- Analisi del ruolo degli enzimi spermina ossidasi (SMO) e poliammino ossidasi (APAO) nel metabolismo delle poliammine.
3- Ruolo della spermina ossidasi nel cervello sia in condizioni fisiologiche sia patologiche.
4- Analisi del ruolo della spermina come modulatore della risposta dei recettori del glutammato.
5- Analisi del metabolismo delle poliammine nei tumori solidi.
6- Analisi di marcatori genetici (ITS2, D-loop, etc) per la ricostruzione filogenetica di sistemi animali modello.